>Concorsi
>Forum
>Bandi/G.U.
 
 
 
 
  Login |  Registrati 

NB: La redazione di mininterno.net non si assume alcuna responsabilità riguardo al contenuto dei messaggi.

Concorso dirigenti scolastici - Aspettando il bando e i quiz
26075 messaggi, letto 467936 volte
 Discussione chiusa, non è possibile inserire altri messaggi

Registrati per aggiungere questa o altre pagine ai tuoi Preferiti su Mininterno.

Torna al forum    


Attenzione!
In questo thread si parla esclusivamente del concorso per Dirigente Scolastico.
 
NON è consentito discutere qui di DropBox!.
Esiste una discussione apposita per DropBox: clicca qui per andarci!

 

Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, ..., 109, 110, 111, 112, 113, 114, 115, 116, 117, 118, 119, ..., 865, 866, 867, 868, 869, 870 - Successiva >>

Da: cris29/09/2010 11:28:25
x raff69
grazie per la risposta,
condivido in pieno tutto, anche se per mio carattere necessito di un riferimento temporale,
invece di plasmare i miei discenti mi sono lasciato plasmare da loro
per cui se so che devo produrre un documento (es. tesina per master) entro il tale giorno riesco a ritagliarmi un pò di tempo per approfondire gli argomenti.
per quanto riguarda le riviste ... di cosa stiamo parlando?
ciao

Da: raff6929/09/2010 11:39:44
Veramente io non sono abbonato a nessuna rivista: dicevo che forse per tenerti aggiornato in attesa di un altro concorso puoi abbonarti magari a qualche rivista, tipo Notizie della scuola o altre, però nello specifico non so cosa veramente consigliarti.

Da: messaggio29/09/2010 12:03:51
Potete pubblicare l'articolo apparso su italia oggi , in riferimento alla bozza del bando? Vi chiedo, è utile partecipare al corso organizzato da proteo che apre i battenti in provincia di Brindisi il 7 ottobre?

Da: alex29/09/2010 15:00:59
cara calipso. ti leggo e ti condivido. ahnoi

Da: Red Moon29/09/2010 15:07:41
Non voglio polemizzare con Calipso sul valore dei docenti, sposati con prole o single, però, reputo che ognuno debba assumersi le proprie responsabilità in relazione allo sfascio generalizzato che ha investito la pubblica amministrazione, in generale e la scuola, in particolare. E' vero, come afferma qualcuno, che molte hanno marciato sfruttando "malattie dei bambini" inesistenti per farsi ponti più o meno lunghi o altri hanno sfruttato e sfruttano i permessi della legge 104 per starsene a casa e farsi i fatti propri; però è anche vero che molti hanno lavorato duramente, perfezionando la loro formazione iniziale e dando alla scuola buona parte delle loro energie, indipendentemente dal loro stato civile. E' proprio grazie a questi eroi se la scuola italiana, regge, nonostante tutto.
Tuttavia è proprio questa parte di docenti che, oggi più che mai, si sente avvilita e frustrata da un "modus operandi" che, invece di premiare il merito , la preparazione e la serietà professionale, premia il servilismo ed il lecchinaggio (Scusate la franchezza).
Pensate per un pò a quello che succederà quando anche l'entità dello stipendio dipenderà dalla valutazione del dirigente?... la corsa dei "leccaculo" non avrà più ostacoli.
Adesso io mi chiedo se sia valsa la pena di studiare ininterrottamente da oltre vent'anni, di trascurare figli e consorte per assolvere alle innumerevoli incombenze scolastiche o se invece non sarebbe stato preferibile bivaccare, come hanno fatto in molti, nella scuola impegnandosi al minimo e riservare le proprie energie ad ingraziarsi il/la dirigente di turno?

Da: calipso29/09/2010 15:08:17
"Non so quanti anni hai, se sei molto giovane, ti comprendo....
A proposito sai quanto è bello , correre al mattino, cucinare, lavorare anche di domenica e chiudere scuola a tarda ora,(si chiudere la scuola ...materialmente)e poi studiare, e seguire i master, i corsi , leggere e  AMARE i propri figli....
Yes, we can....."
cara guerriera, ripeto una cosa è partecipare una cosa è vincere!! ammiro il tuo entusiasmo, tipicamente femminile, ma ahimè neghi l'evidenza... il lavoro come è strutturato in italia è pensato per i maschi, la cui assenza da casa e famiglia pesa relativamente!
non so se io sono giovane, (poi che vuol dire giovane?), ma io vedo ai posti che contano solo uomini ... le donne combattono, cara guerriera, ma vincono in poche, quelle che rinunciano a qualcosa!! è utopico pensare di fare tutto, necessariamente inganni qualcuno... i tuoi colleghi, la tua famiglia, o forse semplicemente inganni solo te stessa!!
ripeto, libera di farlo!! ma se credi che chi quotidianamente sceglie (e non ha l'arroganza di poter e saper fare tutto danneggiando chi invece si impegna davvero) indietreggi di fronte alle vostre mancanze e ai vostri necessari cedimenti ti sbagli perchè è proprio quest'assistenzialismo che ha danneggiato la scuola, questa femminilizzazione da part time (anche se ora la menopausa ti rende probabilmente ancora più arrogante in questo senso!!)! se ti senti un'eroina, sappi che non lo sei... hai scelto di fare tutto e non è da eroi, è da insoddisfatti!!!
susanna60, a te non rispondo, non avevi detto che mi ignoravi???

l'articolo di Italiaoggi non so se è pubblicato online, io l'ho letto sulla rivista cartacea a cui sono abbonata.

E' disponibile l'App ufficiale di Mininterno per Android.
Scaricala subito GRATIS!

Da: calipso29/09/2010 15:26:21
per red moon
la risposta te la dai da solo!! ma proprio perchè è una scuola troppo sindacalizzata e tirata al minimo...
puntiamo al risultato invece. ascoltiamo chi relamente conta nella scuola, i ragazzi, e facciamoci "valutare" da loro, nel senso della loro preparazione, cioè attraverso la loro preparazione!! e non in termini di soddisfazione del cliente! la scuola non ha clienti, la scuola ha fruitori che si aspettano un servizio ben fatto, si aspettano formazione! e la misura della formazione è necessariamente oggettiva, diversamente da come si vuol credere. puntiamo all'oggettività a scuola. creiamo realmente una professionalizzazione del lavoro docente, una carriera per i docenti!! chi vuole essere casa e scuola lo faccia, ma chi vuole poter progredire avendone realmente la possibilità, chi può dedicarsi veramente al proprio lavoro deve poterlo fare...
non si elimineranno mai i "leccaculo" è chiaro, ma nei fatti troveranno sempre meno azione e capacità...

Da: Roberta29/09/2010 16:16:36

sinceramente, non posso non condividere nel fondo le parole sia di calipso che di redmoon e comprendo l'esasperazione e la frustrazione espresse con veemenza, perchè hanno ragione da vendere!
calipso, il problema non è semplicemente avere o meno una famiglia a cui badare, ma la scarsa professionalità di tanti, troppi che scelgono questa professione come ultima spiaggia, per raggranellare qualche spicciolo, senza rendersi minimanente conto delle conseguenze a lungo termine che la loro indolenza  o impreparazione provoca..

io non farei del sesso una discriminante perchè vi sono tantissimi uomini, soprattutto chi svolge la libera professione che insegnano per hobby,ergo....il punto è svolgere con coscienza un lavoro o falro  o abbozzare per tirare a campare o per arrontondare o avere un reddito fisso!

anch'io ritengo che la meritocrazia o pseudotale proposta dal ministro Brunetta che lascerà ai DS il compito di valutare le performance rischia di essere un boomerang contro quei pochi che lavorano seriamente, perchè gli adulatori o la cerchia di quelli che si spartiscono la torta ovviamente pur non valendo nulla si ritroverebbero privilegiati... e gratificati economicamente,come già accade ora, mentre agli altri rimarrebbe il solito appiattimento e la frustrazione!
invece concordo che la vera valutazione vada fatta sull'output e io aggiungerei lasciando parola ai ragazzi, che soprattutto in un istituto superiore sono dei giudici implacabili e obiettivi e non si lasciano certo fuorviare da simpatie o antipatie quando si tratta di giudicare il valore didattico e lo spessore di un docente...volete capire il valore di un docente? interrogatene gli alunnie avret e un quadro veritiero nel bene o nel male!!
se si provasse a farlo ma sapete quanti docenti che perdono tempo fuori dalle classi,dopo ovviamente essere entrati in ritardo, che si ciondolano,fanno poco o niente ,ma  che  sono sempre in prima fila quando si tratta di beccare qualche soldino proponendosi per tutte le funzioni disponibil e quindi facendo tutto male uscirebbero?
il governo ha le sue colpe con la sua politica scellerata ma anche queste brutture e queste persone a cui non dovrebbe essere garantito il posto a vita sono altrettanto colpevoli del degrado della scuola...
insomma meritocrazia quella vera non quella ammantata di falsa democrazia , se qualcuno non vale lo licenzia punto...come accade nel settore privato!
ma questo con la pressione dei sindacati che vogliono tutti dentro e tutti uguali non accadrà mai....

Da: guerriera29/09/2010 16:24:14
per calipso...
rido.. e non riesci nemmeno a farmi arrabbiare...non mi sento insoddisfatta, e nemmeno un'eroina.... ho rinunciato a tante cose nella vita  ma non al mio LAVORO, mi piace troppo (mi P I A C E ) e nemmeno ai miei AFFETTI familiari..non danneggio nessuno.
PERCHè NON RIESCI A VEDERE una realtà diversa da quella che vivi tu...e bada bene io, LA TUA DI REALTà, non la critico.. anzi.. PERCHè NON PRENDI IN CONSIDERAZIONE IL FATTO CHE POSSO ESISTERE CHE è VALIDA E CAPACE A SCUOLA E A CASA....A TE NON RIESCE...HAI FATTO BENE A FARE LE TUE SCELTE, ALLORA..
 
se il lavoro, come giustamente hai detto prima, è pensato per gli uomini, NOI dobbiamo continuare ad essere donne senza scimmiottare  gli uomini ..
.comunque se io e te se fossimo vicine diventeremmo amiche...lo so..siamo in un forum e forse i nostri discorsi non interessano
p.s. non sono in meno pausa....no, no per niente...un abbraccio e parliamo d'altro..

Da: uffa29/09/2010 16:30:54
........... che noia..................

Da: Lalla29/09/2010 16:43:48
scusate la digressione ma vorrei mandare un abbraccio a Nuvoletta, sperando che stia seguendo il forum.

Da: calipso29/09/2010 17:05:02
brava roberta, il male della scuola sono i sindacati "tutti dentro e tutti uguali" è questo il problema!!

guerriera, non prendertela, è chiaro non ce l'ho con te, io, da "giovane", ho fatto libera professione, commissioni ad orari massacranti, non si andava a casa finchè non si risolveva. A certi livelli di donne non ce ne sono proprio, non perchè siamo escluse a priori, ma perchè  il lavoro a orari proibitivi (altro che chiudere la scuola!!) seleziona a monte. Nega pure la realtà se vuoi, illuditi pure ... certo "ti piace", ma il piacere è solo una delle componenti per un lavoro ben svolto!! e la tua giornata non è di 48 ore...
il fatto è che la scuola (delle donne) ha perso di professionalità proprio per questa mania di essere brave in tutto!!
il problema delle scuole oggi più che mai è un problema femminile!! la paga dei professori (tutti) è un problema femminile!! la professionalità nella scuola è un problema femminile!! e lo dico con tutta l'amarezza e la rabbia di una donna che oggi si vede scippata persino la dignità dell'essere docente. gli uomini scappano dalla scuola, solo chi ha doppio lavoro può permettersi di farci un pensierino... del resto i sindacati che ci stanno a fare?? a tutelare tutti no?
a proposito, vogliamo parlare della privatizzazione del contratto di lavoro? l'origine di tutti i mali? abbiamo voluto la contrattazione?? ben ci sta!! tuteliamo i "doppi lavori" cari sindacalisti e puntiamo sempre più al minimo... eppure è proprio toccando il fondo che si inizia a risalire!! speriamo!!

Da: nunzia7329/09/2010 17:11:01
ma guardate che qui ultimamente si parla solo di menopausa.....io direi che la scuola italiana la menopausa l'ha superata da un pezzo.....se andiamo avanti così.....ci passa la voglia di insegnare e dirigere....è tutto un piattume.....

Da: raff6929/09/2010 17:24:08
x calipso e per chi cerca la meritocrazia (vera non quella gelminiana-brunettiana) nella scuola

Avete più o meno ragione, ma le cose cambieranno solo quando il sistema attuale non converrà più, invece attualmente il sistema conviene alla maggior parte dei docenti (che, insieme con le famiglie, sono una marea di voti che i politici non hanno interesse ad inimicarsi troppo): il sistema conviene a chi non sa fare niente e non vuol fare niente perché non saprebbe quale mestiere fare se non lavorare -per modo di dire- a scuola, il sistema conviene alle mogli di uomini ricchi le quali utilizzano lo stipendio solo per vestirsi, il sistema conviene a tutti i liberi professionisti che vengono a scuola a riposarsi ed ad assicurarsi la pensione per la vecchiaia, il sistema conviene ai sindacati che guadagnano su tessere corsi servizi vari, il sistema conviene ai politici che raccolgono voti ora dai precari ora dagli aspiranti dirigenti (!!!!!), ecc. ecc., il sistema conviene ai bidelli che vengono a scuola a chiacchierare e poi hanno il lavoro nero, il sistema conviene alle case editrici che sfornano libri, il sistema conviene all'università (master pagliacciata, ecc.), il sistema conviene ai genitori che vogliono il figlio somaro viziato ma diplomato.

Lo sapete quando il sistema forse cambierà?? Ebbene quando l'Italia farà la fine della Grecia (e dell'Argentina): nonostante le stangate, i governi di austerità, le finanziarie lacrime e sangue, il licenziamento di migliaia e migliaia di precari, il nostro debito pubblico continua a crescere INARRESTABILE, anche  quest'anno cresce, cresce sempre fino fino........ fino a quando un giorno non si riusciranno a piazzare Bot e porcherie simili e il governo non ci pagherà più gli stipendi, non compreremo più, le fabbriche dovranno chiudere, i liberi professionisti non avranno più i soldi per comprare il giornale da leggere in classe ed allora il sistema non converrà più, cadrà, collasserà...... perché DEVE cadere visto che il debito pubblico nessuno è riuscito a bloccarlo, finora, e non può certo crescere all'infinito visto che siamo già uno dei paesi più indebitati al mondo!!!!!

P.S.: so benissimo che nella scuola ci sono liberi professionisti, mogli di miliardari, bidelli, docenti, presidi, ecc. ecc. che lavorano seriamente, però io mi riferisco a quelli che così non si comportano. E poi, in difesa di costoro, diciamo pure che l'idea dello stato di avere un ingegnere in gamba che per un tozzo di pane si sforzi di insegnare bene ad una classe, magari, di maleducati, è una cosa assurda, una pia speranza, un'utopia irrealizzabile perché la gente vede dove guadagna e lì dirige i suoi sforzi, tranne i missionari, ma un sistema non si può basare sul "missionariato".

Da: calipso29/09/2010 17:37:18
grande raff69
ascolto il dibattito sulla fiducia...
politicamente siamo messi male altro che democrazia
"uno spregiudicato illusionista" anzi "un pregiudicato illusionista"!!
il sistema dici? ma il sistema siamo noi... perchè i pochi devono "pagare" per tutti? facciamo qualcosa subito...
TOGLIAMO LE TESSERE AI SINDACATI!!!!

Da: Roberta29/09/2010 17:48:43
calipso,
più che un illusionista forse un grande paravento!!!


hai ragione Raff, il sistema non cambia perchè avvantaggia tanti e troppi che contano più di quei pochi silenziosi che non hanno potere e non fanno rumore....ma quando si tocca il fondo come si diceva prima,poi si dovrebbe risalire e iniziare un lungo corso , auguriamocelo di cuore, cercando di non far prevalere il pessimismo...

Da: nila6829/09/2010 18:05:14
....delusa dal Biancardi! Stringatissimo e poco chiaro.....
Mariani-Bincardi 1 a 0.
Ora passo al Brogonzoli.....avanti un altro!

Da: raff6929/09/2010 18:11:24
x nila68

Come già detto in miei precedenti interventi, il Brogonzoli è un buon testo (tranne qualche inevitabile pecca), però ci sono scritte poche cose, cioè è qualitativamente buono, quantitativamente carente; infatti costa 59 euro, troppo, quando secondo me ne vale circa la metà. Perché non iniziamo piuttosto ad indirizzarci sui Manuali di Legislazione scolastica tipo quelli della Simone o della Maggioli, anche perché in rapporto costano di meno, ad esempio, del Brogonzoli?? (qualcuno che li ha letti ci può dare qualche consiglio???)
"Legislazione scolastica" di Gradini Andrea, Maggioli editore (edizione luglio 2010)??
http://ordini.maggioli.it/clienti/product_info.php?cPath=24&products_id=7096&osCsid=2e94dfa982d95926a00c47f25cff87f3

Da: raff6929/09/2010 18:12:41
...anche perché, aggiungo, la maggior parte delle cose che dobbiamo sapere sono relative alla legislazione scolastica.

Da: calipso29/09/2010 18:14:56
io voto mariani e simone e la preselezione si passa!!

Da: Joda29/09/2010 18:18:08

per raff69:
complimenti per la tua analisi sulla situazione italiana, condivido in pieno.
Il sistema non può reggere all'infinito. Aggiungerei: questo sistema economico non può
reggere all'infinito.
La cosa tragica è che solo una minoranza insignificante della popolazione
si rende conto che stiamo ballando sul Titanic.

Intanto noi speriamo nel concorso...  mah!?
Forse è un modo per illudersi.

Da: raff6929/09/2010 18:29:04
x calipso

Scusa, ma per Simone intendi, naturalmente, il Compendio di legislazione  scolastica di R. Sangiuliano (ediz. 2010), cioè il seguente??  Lo hai studiato e lo hai trovato buono??
http://www.simone.it/catalogo/v20.htm


Da: raff6929/09/2010 18:32:49
x calipso

Altri compendi di legislazione scolastica ne conosci?? (Maggioli, ecc.)

Da: MARIA229/09/2010 18:36:32
x calipso

concordo con te.

Da: calipso29/09/2010 18:38:50
sì quello
non conosco il compendio maggioli, ma ho altri testi di questa casa editrice che nn mi piacciono
ho quello lemonnier ottimo ma è del 2009 e poi è proibitivo per prezzo!!
la sangiuliano è la migliore

Da: Coccinella 229/09/2010 18:42:54
Quante fr......cce dite..
tutti appresso alle str.....e !!!!!

..e l'articolo non si trova..

Da: raff6929/09/2010 18:49:21
x calipso

Ok, grazie per la risposta.

Da: MAX29/09/2010 18:58:03
Evidentemente calipso ha cambiato idea sulla validità dei manuali di studio per il concorso, visto che non molto tempo fa li denigrava tutti, indistintamente, mentre adesso ne loda qualcuno.

Personalmente non posso che ribadire che ciascuno sceglie il manuale che ritiene più confacente al proprio studio.
Io mi sto preparando per il test utilizzando il Biancardi.
Il Mariani non è aggiornato (e questo è un dato oggettivo) e presenta pure qualche inesattezza (e questo è un altro elemento oggettivo).
Il Bertagna è troppo fiosofico, gli altri sono per lo più minestre riscaldate da precedenti concorsi, e quindi non attuali.

Ciascuno, in definitiva, faccia come gli pare e, per cortesia, si astenga dal fare affermazioni del tutto personali tentando di universalizzarle.

Da: nuvolettaba29/09/2010 19:14:57
X Lalla
Non so se l'abbraccio era diretto a me, ma ...me lo predo, con grande piacere :-))) si, seguo il forum, ma non sto più intervenendo perchè in alcuni momenti circola troppo astio per i miei gusti. Non amo inveire e non prendo la parola (spessp però vorrei farlo per rispondere a tono) perchè farei il gioco di alcuni. Mi limito a ricordare la frase che una persona molto saggia amava ripetermi spesso: "Chi sa fa, chi non sa insegna". Mi sa che da queste parti ci sono troppi maestri di vita in alcuni momenti, perciò mi limito a lavorare, in silenzio, come tanti altri.
Ricambio l'abbraccio

Da: massimo29/09/2010 19:41:11
la fiducia c'è
che dite questo bando esce?

Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, ..., 109, 110, 111, 112, 113, 114, 115, 116, 117, 118, 119, ..., 865, 866, 867, 868, 869, 870 - Successiva >>


Torna al forum