Login |  Registrati 

NB: La redazione di mininterno.net non si assume alcuna responsabilità riguardo al contenuto dei messaggi.

Concorso Dirigenti scolastici 2011
5547 messaggi, letto 258508 volte

Torna al forum  - Rispondi    


Clicca qui per unirti al nuovo gruppo Facebook dedicato al concorso per dirigenti scolastici 2015!
Testi suggeriti per la preparazione, appena aggiornati:

Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, ..., 180, 181, 182, 183, 184, 185

Da: @Per tutti 17/02/2017 16.46.00
L' USE non ha controllato nulla!!!!!!!!!!
Rispondi

Da: @Per tutti 17/02/2017 16.46.42
.....USR
Rispondi

Da: Se il Ministero non ha ancora risposto17/02/2017 18.51.37
all'interrogazione a risposta scritta dell'on Di Lello, dopo oltre quindici mesi, i motivi andrebbero ricercati nell'imbarazzo che potrebbe aver suscitato tale documento, dove sono, puntualmente e specificamente, citati casi di concorrenti delle regioni Abruzzo e Campania, ammessi a partecipare al corso intensivo, svoltosi, nell'estate del 2015 e che, successivamente,  dopo il superamento, da parte di tutti  alla prova scritta, ebbero assegnata la sede tra il mese di settembre e ottobre del 2015, benché non avessero più un contenzioso pendente, relativo al concorso bandito nel 2004, all'atto dell'entrata in vigore della legge 107/2015. Se ci fosse stata la risposta, tante polemiche non avrebbero avuto ragione d'essere, perché sarebbero stati chiarite le tante questioni che in essa si sollevavano. Il silenzio, in questa occasione, è apparso come una sorta di assenso, lasciando aperti, a tutt'oggi, tutti i dubbi e le perplessità, peraltro documentati, con tanto di riferimenti a sentenze definitive, richiamate nella citata interrogazione. L'unica eccezione fu costituita dalla Sicilia, dove fu pubblicato un elenco con molti  non ammessi perché, dopo i riscontri, fu appurato che mancava il requisito del possesso del contenzioso pendente laddove, successivamente, molti altri, dopo aver partecipato al corso intensivo, non superarono la prova scritta, che dunque, a differenza che nelle altre regioni interessate, risultò di fatto una prova selettiva e non una mera sanatoria. Appare dunque evidente anche la disparità, nella fase applicativa, tra i richiedenti della Sicilia e quelli di altre regioni, rispetto al concorso bandito nel 2004. Anche su questo occorre che indaghi la Magistratura, verificando, in particolare, come mai nelle altre regioni interessate, a eccezione della Sicilia, tutti i richiedenti furono ammessi al corso intensivo, senza alcuna esclusione per la mancanza del requisito del possesso del contenzioso pendente, e come mai, sempre a eccezione dei concorrenti siciliani, tutti i partecipanti alla prova scritta la superarono, senza alcuna bocciatura.
Rispondi

Da: Se non saranno subito sradicata17/02/2017 21.04.39
tutte le molteplici forme di  CORRUZIONE esistenti, questo paese non potrà più continuare ad andare avanti e gioco forza dovrà buttare la spugna e dichiarare il suo fallimento. Ma saranno c...i acidi cari signori, perché finiremo tutti ma proprio tutti, corrotti e non corrotti, ricchi e poveri, nella più cupa miseria e scoppierà certamente una guerra civile e ci scanneremo gli uni con gli altri per cercare di sopravvivere, e solo quando tutto sarà ridotto in macerie, su di esse  potrà rinascere gradualmente una società migliore.
Rispondi

Da: @Se non saranno subito sradicata17/02/2017 21.13.50
No Maria io esco...
Rispondi

Da: @Se il ministero..... 17/02/2017 23.22.12
Quando leggo quanto scrivi ho ancora una speranza. C' e' gente che sa e che prima o poi la verita' verra' a galla. Grazie
Rispondi

Da: Ma chi è ''sta scema? 17/02/2017 23.22.59
Si, esci pure e non tornare mai più, così eviterai di dire scemenze.
Rispondi

Da: Ma chi è ''sta scema? 17/02/2017 23.26.56
Mi riferivo al post prima del tuo.
Rispondi

Da: @Ma chi è ''''sta scema?18/02/2017 11.10.14
No, Maria, guarda io esco, certe cose non si possono leggere...
Rispondi

Da: beati i Pendenti 200418/02/2017 13.15.26
che hanno vinto la battaglia contro la corruzione dei concorsi regionali a DS
Rispondi

Da: Ma che Paese è quello18/02/2017 13.32.26
dove per combattere una presunta quanto generica corruzione alcuni partecipanti al corso concorso bandito nel 2004,  sarebbero incorsi in ipotesi di reato, vantando il possesso di ricorsi pendenti che non sarebbero stati più tali all'atto dell'entrata in vigore della legge 107/2015, in quanto nel frattempo sarebbe intervenuta una sentenza definitiva? Questo quanto si evince dall'interrogazione a risposta scritta dell'on. Di Lello qui riportata, ancora in attesa di risposta da parte del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca.
Atto Camera
Interrogazione a risposta scritta 4-10987
presentato da DI LELLO Marco
testo di Mercoledì 4 novembre 2015, seduta n. 515
DI LELLO. â" Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. â" Per sapere - premesso che:
l'attuazione della legge 13 luglio 2015, n. 107, recante «Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti», ha evidenziato, in alcuni sue parti, evidenti criticità e, in altre, ha introdotto disparità che occorrerà sanare in questa sede, ci si limita a segnalarne due;
prima questione: con il decreto ministeriale prot. n. 499 del 20 luglio 2015, recante «Modalità di svolgimento di un corso intensivo di formazione e della relativa prova scritta finale, ai sensi dell'articolo 1, comma 87, della legge 13 luglio 2015, n. 107, ovvero della sessione speciale di esame di cui all'articolo 1, comma 90, della legge 13 luglio 2015, n. 107, si dava attuazione alle disposizioni legislative riguardanti i dirigenti scolastici che, avendo un ricorso pendente a seguito della partecipazione ai corsi - concorsi banditi nel 2004 e nel 2006 - potevano partecipare alla nuova tornata concorsuale;
a tal fine, il direttore generale per l'ufficio scolastico regionale per l'Abruzzo, con nota n. AOODRAB 6274, decreta la pubblicazione degli elenchi degli ammessi, individuati con nota prot. n. 8742 del 24 agosto 2015 dell'Ufficio scolastico regionale Campania per l'accesso ai ruoli di dirigente scolastico, rispettivamente, per la regione Abruzzo e per la regione Campania, sul sito web dell'ufficio scolastico specificando che i docenti di cui ai suddetti elenchi sosterranno la prova sotto stretta riserva di accertamento dei requisiti previsti dall'articolo 1, comma 88, della legge n. 107 del 2015;
sembra però che l'accertamento di cui sopra, in tal caso, non sia stato effettuato a differenza di altre regioni dove si è proceduto all'esclusione dei candidati in quanto il ricorso non era più pendente. È il caso della regione Sicilia dove si è proceduto ad escludere i candidati che non avevano un ricorso pendente;
così, scorrendo l'elenco dei candidati pubblicato sul sito web dell'ufficio scolastico regionale dell'Abruzzo e confrontandolo con i nominativi che compaiono in alcune sentenze definitive della giustizia amministrativa, la coincidenza è alquanto strana;
in particolare, se si prende in considerazione le sentenze del Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, sezione sesta, sui ricorsi - numero di registro generale 5458 del 2012 (con sentenza depositata il 3 febbraio 2015); numero di registro generale 439 del 2012 (con sentenza depositata il 23 maggio 2012); numero di registro generale 430 del 2009 (con sentenza depositata il 23 maggio 2012); numero di registro generale 630 del 2009 (con sentenza depositata il 23 maggio 2012); numero di registro generale 1518 del 2009 (con sentenza depositata il 23 maggio 2012); numero di registro generale 627 del 2009 (con sentenza depositata il 23 maggio 2012) - i nomi e i dati anagrafici dei ricorrenti coincidono con quelli dei candidati ammessi al corso di cui sopra. Come anticipato, il Consiglio di Stato si pronuncia in via definitiva sull'appello, respingendo e confermando per l'effetto la sentenza impugnata. Inoltre ordina che le sentenze siano eseguite dall'autorità amministrativa. Le sentenze portano tutte date antecedenti l'entrata in vigore della legge 13 luglio 2015, n. 107, e sono motivo di preclusione alla partecipazione al corso in quanto il ricorso non era più pendente ma definitivo;
sta di fatto che i candidati, partecipano al corso, superano la prova scritta, vengono inseriti, con tutti gli altri partecipanti perché tutti superano il corso, alla graduatoria generale di merito con nota del direttore generale dell'ufficio scolastico regionale per l'Abruzzo del 22 settembre 2015 prot. n. AOODRAB 6523;
la vicenda si conclude con il decreto del direttore generale del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca del 2 ottobre 2015, prot. n. 0001002, con il quale vengono assegnate, ai soggetti inclusi negli elenchi allegati rispettivamente al decreto del direttore generale prot. n. AOODRCA 10379 del 22 settembre 2015 della regione Campania e decreto del direttore generale prot. n. AOODRAB 6523 del 22 settembre 2015 della regione Abruzzo, le sedi regionali di destinazione;
seconda questione: l'attuazione della precitata legge n. 107 del 2015, non solo, non ha risolto la questione dei dirigenti scolastici, ma, al contrario, ha introdotto gravi e ingiustificate disparità di trattamento, con il limitare la partecipazione alla nuova tornata concorsuale a quelli con un ricorso pendente a seguito della partecipazione ai corsi - concorsi banditi nel 2004 e nel 2006, e l'esclusione di quelli del 2011;
con l'occasione, si è anche ritenuto di recuperare le posizioni di soggetti non risultati vincitori in precedenti procedure di reclutamento di dirigenti scolastici svoltesi nel 2004 e nel 2006. Appare quindi conforme a giustizia e ragionevolezza prendere in considerazione pure le posizioni di coloro che hanno partecipato, superandolo, al concorso indetto nel 2011, al quale però erano stati ammessi sulla base di provvedimenti giurisdizionali cautelari, non avendo raggiunto il punteggio minimo richiesto per la prova preselettiva, ma in ogni caso, si ribadisce, superando tutte le prove d'esame;
le prove concorsuali, valutabili nella loro interezza, sono state agevolmente concluse dagli stessi e avrebbe dovuto essere quindi conseguente, secondo l'interrogante, l'inserimento nella graduatoria di merito, in considerazione del tacito accoglimento della conclusione dell'iter concorsuale da parte dell'amministrazione, in virtù del principio dell'assorbenza, invocato dall'articolo 4, comma 2-bis, decreto-legge n. 115 del 2005, che così stabilisce: «Conseguono ad ogni effetto l'abilitazione professionale o il titolo per il quale concorrono i candidati, in possesso dei titoli per partecipare al concorso, che abbiano superato le prove d'esame scritte ed orali previste dal bando, anche se l'ammissione alle medesime o la ripetizione della valutazione da parte della commissione sia stata operata a seguito di provvedimenti giurisdizionali o di autotutela»;
la misura di sanatoria, in questo caso appare ancor più conforme secondo l'interrogante, alle necessità di razionale considerazione delle posizioni soggettive, se si considera che la prova preselettiva non aveva lo scopo di scrutinare la preparazione e l'idoneità del candidato a ricoprire la funzione - compito questo delle successive prove concorsuali -, bensì quello più limitato di ridurre il numero dei partecipanti alle prove, al fine di renderne più sollecita la definizione; ed, infatti, il risultato della prova preselettiva non concorre alla formazione del voto finale di merito. Peraltro, una volta che l'ammissione si sia comunque avuta e che le prove siano state successivamente superate, non risponde ad alcun interesse pubblico, secondo l'interrogante, continuare ad escludere i concorrenti risultati idonei, quando anzi è nell'interesse dell'Amministrazione inserirli nella graduatoria che costituisce una risorsa di personale e dunque una risorsa per il funzionamento dei pubblici uffici, anche tenendo conto che la graduatoria medesima è stata successivamente trasformata in graduatoria ad esaurimento, con validità per l'assunzione di tutti gli idonei in essa inseriti -:
quali iniziative urgenti il Ministro interrogato abbia intenzione di assumere al fine di verificare i fatti esposti in premessa in ordine al possesso dei requisiti previsti dall'articolo 1, comma 88, della legge n. 107 del 2015;
quali iniziative urgenti abbia intenzione di assumere, qualora riscontrasse una errata interpretazione delle disposizioni previste per l'espletamento della procedura concorsuale, per verificarne la correttezza in tutte le sedi di concorso;
quali iniziative, anche di carattere normativo, intenda assumere al fine superare la situazione di disparità di trattamento tra i partecipanti ai vari corsi-concorsi per dirigenti scolastici banditi negli anni. (4-10987)

Fonte: http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4-10987&ramo=C&leg=17

Rispondi

Da: per post precedente18/02/2017 14.59.07
se fosse come affermi non stavano negli elenchi a cura dell'USR evidentemente ti sfugge qualcosa dei ricorsi in questione o sei un avvocato/giudice per affermare certe cavolate. Dimostralo fai ricorso chiedi che venga di discusso e solo quando avrai una sentenza in mano a conferma delle stupidaggini che dici parla.
Rispondi

Da: Per sopra 18/02/2017 16.11.20
Gli uffici USR non hanno controllato niente
Rispondi

Da: Per post precedente 18/02/2017 16.45.28
Gli uffici hanno controllato e se non l avessero fatto vorrebbe dire che allo stesso modo hanno agito niei concorsi regionali pertanto se e' tutto un schifo perche' prendersela contro pochi pendenti messi dentro da una legge. E comunque si puo' chiedere che venga discusso il ricorso invece di supporre e ciarlare.
Rispondi

Da: Infatti18/02/2017 16.55.10
gli uffici scolastici regionali avrebbero dovuto fare una ricognizione sulla presenza dei contenziosi pendenti, relativi ai concorsi del 2004 e del 2006, così come prescritto nel DM n. 499 del 20 luglio 2015, ma le cose evidentemente non andarono così. Furono accolte invece le richieste che venivano dagli interessati o da loro rappresentanti legali. In Sicilia fu fatta sicuramente una verifica puntuale sulle istanze presentate. A riprova il dato che risulta pubblicato un elenco di ben 36 non ammessi alla prova scritta con la seguente motivazione per la non ammissione: " Mancanza di un ricorso pendente ". Nelle altre regioni, come la Campania e l'Abruzzo, oggetto specifico dell'interrogazione dell'on Di Lello del 4.11.2015, un elenco di esclusi non risulta mai pubblicato. Pertanto, in tali regioni, tutti quelli che chiesero di poter accedere ai benefici previsti dai commi 87 e ss dell'art. 1 della legge 107/2015, parteciparono sia al corso intensivo che alla prova scritta finale, quest'ultima superata da tutti, e sottolineo tutti, i partecipanti, diversamente da quanto si verificò in Sicilia, dove alla fine furono un centinaio i richiedenti  che, benché avessero prodotto istanza, non  si ritrovarono nella graduatoria finale di merito. Va aggiunto che ogni iniziativa in sede giudiziaria necessita del supporto degli atti ma a tutt'oggi, benché sia stata prodotta istanza per l'accesso agli atti di alcuni di coloro che hanno fruito dei benefici in questione, come quelli indicati nell'interrogazione su richiamata,  a ragione del diniego di questi ultimi, tale accesso  non è stato ancora possibile. Si attende, nei prossimi mesi, il pronunciamento della magistratura, alla quale ci si è dovuti rivolgere dopo il diniego,  per consentire tale accesso e intraprendere le iniziative giudiziarie del caso.
Rispondi

Da: Per post precedente 18/02/2017 17.30.18
Allora aspettate di provare questi fatti e dopo se ne riparla per ora sono supppsizioni e ritengo piu utile parlare di verita' accertate.
Rispondi

Da: @ infatti 18/02/2017 20.58.55
La tua spiegazione precisa e veritiera spiega alla perfezione come andarono le cose. Mi auguro che la risposta della magistratura arrivi presto e si possa avere giustizia.
Rispondi

Da: Ma quali supposizioni 18/02/2017 21.04.07
Basta leggere le sentenze definitive del Consiglio di Stato, attraverso i numeri di registro riportati nell'interrogazione dell'on. Di Lello, per capre che si tratta di fatti. I dati anagrafici sono gli stessi di alcuni di coloro che, dichiarando di avere un contentenzioso pendente derivante dal concorso bandito nel 2004, hanno avuto accesso al corso intensivo e alla prova scritta. Non avendo alcun diritto, oggi fanno i dirigenti. Ma per quanti tempo ancora? Prima o poi la verità sortirà e ne pagheranno le conseguenze anche sul piano penale. E chi vorrebbe il silenzio su queste ingiustizie, sappia che ciò non avverrà mai.
Rispondi

Da: Per sopra 18/02/2017 23.44.07
Non hanno alcun diritto a fare i dirigenti ci sono carte chiare ed inequivocabili. Questa legge fatta apposta per loro doveva essere applicata come in Sicilia. Ora qualcuno paghera' e loro in primis.Gli avvocati li hanno consigliati male.
Rispondi

Da: Chiedo 19/02/2017 08.18.22
Come posso fare per contattare una persona che risponde in privato?
Rispondi

Da: Ma 19/02/2017 08.28.50
Io credo che se hanno partecipato al corso hanno le carte in regola altrimenti I giudici si sarebbero gia' prinunciati da tempo. Ormai sono due anni e qualcuno andra' pure in pensione da DS. Pensiamo al prossimo concorso
Rispondi

Da: Lo ripeto 19/02/2017 08.28.53
perché anche per molti di voi il verbo capire sembra che non abbia nessun significato: Il concorso 2011 e tutto ciò che da esso si collega, ha pochissima validità sul piano della legalità perché è stato svolto in un clima d'incredibile confusione e approssimazione e viziato da importanti fenomeni corruttivi che sono stati colpevolmente ignorati da chi avrebbe dovuto denunciarli e reprimerli sul nascere, anziché voltare lo sguardo e sottrarsi le orecchie e far finta di non aver visto o sentito.
Rispondi

Da: Lo ripeto 19/02/2017 08.33.39
correggo:    ..ad esso..       ..otturarsi..
Rispondi

Da: Infatti non c''è 19/02/2017 09.25.52
peggior cieco di chi non voglia vedere e peggior sordo di chi non voglia sentire. Perciò in tali casi bisogna assolutamente cambiare gli attori rivelatisi guitti, ma anche la scena e la commedia da rappresentare.
Rispondi

Da: Il ciarlatAno19/02/2017 11.55.39
Vuole il potere per se stesso a ogni costo
Rispondi

Da: Il ciarlatAno19/02/2017 15.09.11
E' il giorno della verità per il Pd riunito in Assemblea. All'assemblea, convocata da Matteo Renzi per aprire il congresso, stanno arrivando in questi minuti i mille delegati da tutta Italia. In apertura Matteo Orfini ha comunicato che sono arrivate alla presidenza le dimissioni formali di Renz
Rispondi

Da: Il ciarlatAno19/02/2017 15.09.14
E' il giorno della verità per il Pd riunito in Assemblea. All'assemblea, convocata da Matteo Renzi per aprire il congresso, stanno arrivando in questi minuti i mille delegati da tutta Italia. In apertura Matteo Orfini ha comunicato che sono arrivate alla presidenza le dimissioni formali di Renz
Rispondi

Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, ..., 180, 181, 182, 183, 184, 185


Aggiungi la tua risposta alla discussione!

Il tuo nome
Testo della risposta
Aggiungi risposta
 
Avvisami per e-mail quando qualcuno scrive altri messaggi
  (funzionalità disponibile solo per gli utenti registrati)