Login |  Registrati 

NB: La redazione di mininterno.net non si assume alcuna responsabilità riguardo al contenuto dei messaggi.

CONCORSO DS: ORALI IN CAMPANIA
66996 messaggi, letto 1213753 volte

Torna al forum  - Rispondi  - 


Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, ..., 2229, 2230, 2231, 2232, 2233, 2234

Da: ,,,,,,,,,,,,,,,,,02/07/2015 5.58.44
"RIFORMA SCUOLA ULTIME NOTIZIE (1¡ LUGLIO 2015) - Brutto momento per Matteo Renzi: la questione di fiducia sul ddl scuola, modificato dal maxi-emendamento del governo Renzi, è passata con 159 voti, quindi con meno della maggioranza assoluta, ma è comunque passata.

Manca adesso un ultimo step alla Camera, visto che il testo della riforma scuola di Renzi è stato modificato e va quindi nuovamente votato dai deputati.

In commissione Istruzione alla Camera sono stati presentati 150 emendamenti (il Pd non ne ha presentato nessuno, a quanto apprendiamo dalle ultime news), ma è prevedibile che Renzi ricorra per l'ennesima volta alla questione di fiducia, blindando il testo del ddl scuola e rendendo impossibili gli emendamenti.

Tuttavia domani mattina la presidenza renderà noto il numero di emendamenti ammissibili alla discussione e si procederà al voto degli stessi.

riforma scuola renzi ultime notizie

Riforma scuola, ultime notizie 1¡ luglio 2015: Renzi porterà a casa il ddl odiato dagli insegnanti, ma a caro prezzo
Ci sono quindi pochissimi dubbi sul fatto che la riforma scuola del governo Renzi diventi legge, la maggioranza alla Camera dei deputati, al contrario che al Senato, √® corazzata (grazie al premio di maggioranza incostituzionale del PorcellumâĶ).

Renzi rischia grosso per altri motivi. Aver partorito una riforma scuola avversa agli inseganti, precari e non, e ai sindacati del mondo dell'istruzione, √® stata una mossa suicida: Renzi si √® inimicato una parte importante dell'elettorato naturale di centrosinistra, il quale ormai ha compreso che il Pd di sinistra non ha pi√Ļ nulla (alla fine l'hanno capito anche Civati e FassinaâĶ).

Riforma scuola, ultime notizie: il suicidio al rallentatore di Renzi sta per giungere a compimento
Emblematica la vicenda dell'insegnante precaria, presente sulle tribune del Senato mentre era in corso il voto per la questione di fiducia sulla riforma scuola, che ha raccontato su Facebook come da sostenitrice del Pd si è ritrovata a essere denunciata dal Pd.

A questo ci aggiungiamo i sondaggi che registrano un costante calo della fiducia degli italiani in Matteo Renzi e, dulcis in fundo, la "scomunica" da parte di Diego Della Valle.

Tutti segnali chiarissimi: Renzi ha distrutto lo statuto dei lavoratori, ha distrutto la democrazia con una legge elettorale e una riforma costituzionale (ancora da concludere, vedremo) folli, ha distrutto la scuola, ma per farlo è finito col distruggere anche se stesso."
Rispondi

Da: come dire:02/07/2015 9.11.07
"chi è causa del suo mal pianga sè stesso".
Rispondi

Da: Il senso di onnipotenza di Renzi02/07/2015 10.47.58
lo ha di fatto, già distrutto politicamente e la conseguenza di ciò sarà l'inevitabile consegna di questo paese nelle mani dell'M5S o della destra. Ci siamo fidati della sua esuberanza e della sua giovane età pensando di fare una cosa giusta, ma in realtà in politica occorre esperienza, capacità e buon senso.
Rispondi

Da: Secondo me02/07/2015 10.51.20
Dirigenti scolastici, colpo di scena per il concorso in Lombardia
Silvana La Porta Giovedì, 02 Luglio 2015

AAAA
Colpo di scena nella vicenda del concorso dirigenti scolastici in Lombardia. Il Tar annulla per la seconda volta il concorso per gravi irregolarità. Ma Valentina Aprea, assessore regionale all'Istruzione non ci sta. E corre a Roma per fare chiarezza.

La notizia, data dal Giornale, √® che "il Tar boccia nuovamente i presidi che non potranno firmare i diplomi di maturit√†. Nel limbo degli errori dell'amministrazione scolastica sono finiti 355 dirigenti, alla guida delle scuole lombarde: il loro concorso, indetto nel 2011, fu annullato da Tar nel 2013 per lo scandalo delle buste trasparenti che compromisero l'anonimato dei candidati. ¬«L'amministrazione - si legge nella sentenza del Tar - ha operato senza un adeguato livello di diligenza che si sarebbe dovuto imporre in considerazione della delicatezza delle scelte che si accingeva a compiere, tenuto conto che si trattava di una procedura concorsuale gi√† incorsa in un annullamento giurisdizionale che aveva visto coinvolti un elevatissimo numero di concorrenti, e considerata l'elevata carenza di organico dei dirigenti scolastici¬».
Dopo nuovi ricorsi, √® arrivata la seconda bocciatura: stavolta a causa di ¬«ombre¬» all'interno della commissione di concorso. Sembra che il presidente e un sottocommissario non avrebbero avuto i titoli per ricoprire quei ruoli. E che non siano stati scelti ¬«interpellando un numero adeguato di titolati¬». Altro caos. Altra prova da superare per i dirigenti.
¬«Per colpa dell'amministrazione scolastica - insorge l'assessore Aprea - la scuola lombarda vive momenti di grande incertezza e instabilit√†. A questo punto, chiediamo al ministero di adottare in tempi brevissimi le misure atte a ripristinare il regolare funzionamento delle scuole impegnate peraltro¬». Valentina Aprea se la prende anche perch√© in gioco c'√® ¬«la dignit√† professionale¬» dei dirigenti, sottoposti a un ¬«percorso umiliante e lesivo¬» della loro carriera.
L'obiettivo della Aprea è quello di chiedere una sanatoria per garantire un regolare avvio dell'anno scolastico "perché paradossalmente adesso i presidi non potrebbero nemmeno firmare gli attestati della maturità se non dovesse arrivare per tempo un decreto provvisorio che li autorizzi. E, in teoria, stanno supervisionando gli esami degli studenti, impegnati con gli orali, senza avere, sulla carta, nessun titolo per farlo."
Secondo l'assessore regionale la Regione dovrebbe prendere in mano le redini dei concorsi scolastici. Lo fa tuttavia in un momento in cui i nuovi provvedimenti voluti dal governo Renzi stanno andando nella direzione opposta. La commissione farlocca incaricata di giudicare i dirigenti ¬«√® l'ennesima prova che le formule concorsuali centralizzate non possono essere modellate per valutare la professionalit√† n√© dei dirigenti n√© dei docenti¬». Se fossero gestiti a livello regionale, sostengono da sempre al Pirellone, ci sarebbe pi√Ļ ordine. Lo stesso ministero dell'Istruzione far√† ricorso al Consiglio di Stato e nel frattempo ha in serbo (nel ddl della Buona Scuola) alcuni emendamenti per una sanatoria che risolva il pasticciaccio del concorso in Toscana, Campania. E Lombardia. Sperando che tutto si sblocchi entro settembre.
Insomma per qualunque problema sorga con i concorsi dirigenti scolastici, per motivi di ordine superiore, la conclusione √® sempre la stessa. A tarallucci e vino, con buona pace di buste trasparenti e commissioni un po' meno trasparentiâĶ
Rispondi

Da: Secondo me02/07/2015 10.53.54
Home ¬» Concorso Dirigenti Scolastici 2011: e poi parlano di legalit√†! L
  
Elisabetta Paoletti, Alessandra Croci, Docenti - Nel 2013, centinaia di docenti hanno partecipato al concorso per dirigente scolastico, una volta espletato sono piovuti su di esso, una valanga di ricorsi ai vari Tribunali Amministrativi Regionali.

Nonostante ciò, sono vaganti decine e decine di sedi nelle varie parti d'Italia. In vista del D.L. sulla "buona scuola", i parlamentari della Commissione Cultura della Camera dei Deputati, sono stati informati di questa situazione ed è stato proposto loro un emendamento che avrebbe dato la possibilità, all' Amministrazione, di:

1. azzerare immediatamente la mole di contenzioso esistente a tutt'oggi;

2. risparmiare risorse economiche importanti rivenienti dalla non emanazione del bando (che si presterebbe,comunque, a tempi lunghi per la relativa sua adozione e a futuri contenziosi poiché resterebbe intatta l'architettura tecnica che replica quella del 2011);

3. assicurazione circa i tempi celeri e certi per l'assegnazione di dirigenti alle istituzioni scolastiche.

4. senza entrare nel dettaglio, a livello nazionale, tutti coloro i quali hanno contenziosi pendenti (non ammissione alle prove orali del concorso- selettivamente solo tale nostra tipologia) sono in numero inferiore ai posti che necessiteranno sul 2015/2016 e sul 2016/2017.

Alla luce di ci√≤ la Commissione Cultura della Camera dei Deputati, respinse, su indicazione del Governo, l'emendamento che poi, per magia, compare nel maxi emendamento al Senato, con alcuni piccoli e indistinti cambiamenti che, ad una prima lettura potevano soddisfare le nostre richieste, poi âĶ si scopre l'inganno: l'art. 87 cita una procedura per sanare un concorso, si, da dirigente scolastico ma solo quello svolto nella regione Sicilia.

Alla faccia della legalità! Come mai solo per la Sicilia? E' volontà del Governo "sanare" solo ciò che riguarda l'Isola? Il resto dell'Italia, non conta?

E' volontà del Governo infilarsi nel tunnel del contenzioso che già oggi possiamo quantificare in tanti e tanti soldi?

E' volontà del Governo tenere appesi nel limbo dei tempi della giustizia amministrativa, centinaia di docenti e relative famiglie?

E' volontà del Governo continuare a non dare personale dirigenziale alle scuole italiane?

Queste domande hanno bisogno di risposte che solo il Governo può dare, se vuole, può impegnarsi e cancellare quella "anonima" manina che nel maxi emendamento ha inserito i "soliti" amici e dare la stessa corsia preferenziale agli altri docenti, che hanno solo la colpa di non essere "amici" di nessun potente.

I
Rispondi

Da: ???02/07/2015 14.16.57
Siamo nel paese dei balocchi. Possiamo tutti  intraprendere la strada della corruzione, vivere in modo illegale  senza nessun timore in quanto non dobbiamo rispondere del nostro operato perch√© la politica  con le sue sanatorie pone rimedio a tutto chiudendo , con arroganza , gli occhi di fronte a pareri e sentenze dei magistrati. I sindacati inoltre non tutelano tutti i lavoratori ma solo parte di essi per interessi nascosti( tanto nascosti non sono pi√Ļ) .perch√© i non idonei non si mobilitano in modo incisivo facendo davvero sentire la loro voce ma soprattutto le loro ragioni. Basta guardate la graduatoria de vincitori e idonei per rendersi conto di quanta mediocrit√† √® presente tra i nuovi DS: non ci sono eccellenze, la quasi totalit√† √® stata ammessa con 21, non ci sono state punte di eccellenza agli orali e i titoli sono quasi assenti. La domanda allora sorge o non sorge spontanea?
Rispondi

Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, ..., 2229, 2230, 2231, 2232, 2233, 2234


Aggiungi la tua risposta alla discussione!

Il tuo nome
Testo della risposta
Aggiungi risposta
 
Avvisami per e-mail quando qualcuno scrive altri messaggi
  (funzionalità disponibile solo per gli utenti registrati)